DI MAIO OGGI LASCIA LA FUNZIONE DI CAPO POLITICO DEL MOVIMENTO 5 STELLE , E DOPO?

Oggi tutti i giornali Annunciano con gran clamore che Luigi di Maio si dimetterà volontariamente dal ruolo di capo politico del movimento 5 stelle. Credo che sia doverosa e responsabile una riflessione per ogni persona che, nel presente o nel passato, ha anche solo votato il movimento 5 stelle.

A prescindere dalla Persona , che personalmente stimo molto, il ruolo di “capo politico” da quando è stato definito è equivalso ad una “missione impossibile” per chiunque lo avesse ricoperto.

Troppe le decisioni da prendere senza una vera struttura articolata sui territori e per specifiche competenze.

Il capo politico si è trovato solo, nel bene e nel male, a dover prendere decisioni che spaziavano da dimensioni strategiche strutturali a una minuta ordinaria amministrazione di cui sarebbe stato forse più opportuno fossero stati livelli intermedi inesistenti ad occuparsi.

Ora che su Rousseau è stata votata la struttura dei facilitatori nazionali e regionali, almeno questo problema, speriamo, dovrebbe essere col tempo superato.

Rimane un altro grandissimo problema a livello strutturale, per una forza che voglia essere di governo; Il collante che tiene insieme le varie anime del movimento, per arrivare a fine mandato e mantenere un consenso che oggi sembra calare ogni giorno.

Se si studia la storia recente, si vede bene come questo collante in passato, è stato fornito dalle vecchie ideologie di destra di centro e di sinistra. Queste, come tutte le cose della vita, sono sempre medaglie a due facce. Se da un lato possono portare a pericolosi eccessi ed estremismi, dall’altro fungono da collante per tenere insieme una qualunque forza politica che aspiri ad essere veramente tale.

Forse abbiamo sbagliato come movimento 5 stelle a definirci post ideologici. Forse avevamo il dovere invece di costruirci una nostra nuova “non ideologia”, una ideologia 2.0 di nuova generazione, che fungesse si da faro sinergizzànte per gli inevitabili personalismi, ma che contenesse in se anche elementi di autoregolazione per evitare eccessi ed estremismi futuri.

Onestamente credo che se non ce ne costruiremo velocemente una, la nostra parabola come movimento 5 stelle non potrà che essere discendente. E se non spariremo, rimarremo comunque relegati a ruoli di opposizione, per cui il collante della sola l’Onestà è forse sufficiente.

Al punto a cui siamo arrivati, non è nemmeno tanto importante quale sia questa “nonideologia”; basta che se ne scelga una!

Ci sarà poi il tempo per una serie infinita di aggiustamenti grazie ad un fondamentale e infinito, processo di intelligenza collettiva che a mio avviso ci deve caratterizzare.

Processo di intelligenza collettiva che potrebbe benissimo essere aiutato, incentivato e strutturato dalla nuova piattaforma Rousseau, a cui dobbiamo chiedere di iscriversi veramente tutti i nostri sostenitori.

Come chi ci legge da tempo sa ormai bene, Noi come ass. “Nuovo orientamento culturale”, abbiamo fin dal 2016 , sviluppato pensando proprio al movimento 5 stelle, una nuova teoria economica e sociale ribattezzata recentemente “Teoria del bene comune” , ma assai più nota con il vecchio nome di “Capitalismo a doppia valvola di sicurezza”.

Questa in sintesi, si basa sui tre grandi pilastri del pensiero di Adriano Olivetti, sull’enciclica “laudato si” di Papa Francesco e sul pensiero del premio nobel per l’economia Joseph Stiglitz .

Sperando con tutto il cuore che possa servire a salvare il movimento 5 stelle, vogliamo farvi omaggio di una copia in PDF (in libreria costa 12 euro) del piccolo libro dal taglio volutamente divulgativo che oltre 1700 di noi hanno contribuito a mettere a punto in anni di lavoro.

Se volete bene al movimento 5 stelle , per favore leggetelo.

Se poi invece che semplici sostenitori, siete attivisti o meglio ancora portavoce , forse è ancora più importante che si aggiunga al vostro bagaglio, se non altro , per criticarlo e andare oltre, costruendo qualcosa di ancora migliore.

Clikare qui per scaricare gratuitamente una copia in PDF:

http://www.nuovorientamentoculturale.it/wp-content/uploads/2017/01/CADVS-shareware-vers-1_41.pdf

Ermanno Cavallini

Portavoce Ass. “Nuovo orientamento culturale”

5 risposte a “DI MAIO OGGI LASCIA LA FUNZIONE DI CAPO POLITICO DEL MOVIMENTO 5 STELLE , E DOPO?”

  1. Ermanno Cavallini sono dieci anni che studiate, elaborate teorie, programmi e quant’altro! Noi leggiamo, ascoltiamo, guardiamo non ci manca niente!
    A voi manca qualcosa?
    Quanti attivisti hanno letto Nuovo Capitalismo ….???
    Personalmente ho le idee abbastanza chiare senza mai avervi seguito negli anni precedenti. Cosa manca a voi?

    1. Piera Mori, perdonami per favore definisci cosa intendi per “noi” e “voi”. Io credevo che come cittadini italiani fossimo tutti “noi”; ma evidentemente per te non è cosi.

  2. Dobbiamo subito reagire tutti e non dividerci perché state tranquilli amici che ale Elezioni politiche il Movimento sarà più forte di oggi Importante che si lavori tutti

  3. Ermanno cavallini, io intendo con ‘voi’ chi ricopre posti di responsabilità.
    Noi siamo i seguaci, i sostenitori.
    Capisco che sarete più aggiornati di me ( dite che uno vale uno! ) ma le cose cambiano di poco se faccio questa distinzione.
    Tra i politici effettivi e i loro sostenitori una distanza effettiva c’è sempre stata

  4. Il m5s non sparira, ci saran o sempre speranzosi.quello che e grave non aver realizzato il sogno il momento era giusto,difcicilmente si otterra il consenso del popolo.mi piange il cuore un vero peccatoDi Maio e compagni x essere amati dovete prima amare .Voi avete avuto fretta arroganza incompetenza e in ultimo bugiardi la gloria non fa x voi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *